JIRA CORE – prova su strada

JIRA CORE – installiamolo

In questo post iniziamo ad esaminare il JIRA CORE. Lo installeremo, lo esamineremo e andremo a capire pregi, difetti, limiti ed altre cose interessanti.

Installazione

Partiamo dal presupposto che vogliamo installarlo per la prima volta. Esamineremo in altri articoli le migrazioni, di cui abbiamo iniziato a parlare in questo post, e useremo anche questo addon, che sicuramente ci aiuterà. Partiamo con una nuova installazione.

Prima di iniziare, partiamo con alcune considerazioni:

  • Server/Cloud. Qui serve capire che cosa vogliamo da questi prodotti. Dato che stiamo parlando di Installazione, stiamo escludendo a priori l’installazione Cloud.
  • Database dove installare. Valutiamo prima quale database usare. Per nostra fortuna, la Atlassian ci ha messo a disposizione la possibilità di poter istallare il JIRA CORE su diversi database:
    • MySQL, MS SQL Server, Oracle, Postgres, etc etc, come riportato nella documentazioneJIRACORE-01
    • Aggiungo che, normalmente, il DB viene usato come un enorme contenitore 🙂
  • Spazio Server. Tenetene sempre d’acconto. Serve per capire quanto dimensionare il server. Serve anche se dobbiamo memorizzare dei documenti allegati.
  • Windows/Linux. La scelta dipende sempre da:
    • Esperienza di uso. Se siamo più preparati su Linux, la scelta è sicuramente quella 🙂
    • policy aziendali: Se in azienda si usa prevalentemente Windows, non abbiamo molte possibilità di poter usare Linux. 😛
  • Voglia di imparare: Questo ci può anche indirizzare la scelta. Non sottovalutatela e non reprimetela.

Procediamo

Iniziamo la fase di installazione. Nel nostro caso seguiamo una installazione su Linux Ubuntu. Nel nostro caso ho utilizzato una installazione su Virtual Machine.

Come database, sfrutteremo MySQL e, per meglio usarlo useremo phpMyAdmin :-P. JDK di Oracle deve essere installato. Mi raccomando fate riferimento a questa pagina per le compatibilità di versione. In questo caso ho installato la versione 7 del JDK.

Una volta che abbiamo scaricato il nostro installer, ovvero un file che presenta questo nome: atlassian-jira-software-X.X.X-jira-X.X.X-x64.bin, dove X.X.X è il numero di versione che si è scelto di installare. Anche in questo caso, valutate attentamente quale versione installare. Nel nostro esempio andiamo ad installare la 7.0.2.

JIRACORE-01

A questo punto, lanciamo l’installazione, coni diritti di amministratore. Se non lo fate, l’installer ve lo segnalerà, come trovate indicato in questa immagine

JIRACORE-02

A questo punto selezioniamo le varie opzioni di installazione e procediamo di conseguenza. Un apiccola annotazione: Lo stesso installer si occupa anche di eseguire gli upgrade di precedenti installazioni. Sarà cura di un ulteriore post andare ad indagare sul comportamento da seguire per un upgrade.

 

JIRACORE-03

Installiamo il tutto come servizio, in modo da non preoccuparci di riavviarlo ogni volta. Lasciamo che sia Ubuntu a fare il lavoro al riavvio 🙂

JIRACORE-04

Quindi lasciamo che l’installer proceda con l’estrazione dei file e finalizzi l’installazione. Al termine sarà visibile il seguente risultato, come mostrato nella seguente immagine:

JIRACORE-05

A questo punto possiamo procedere con i passi successivi: Colleghiamoci al nostro JIRA Installato, ottenendo il seguente risultato:

JIRACORE-06

Da qui in avanti procediamo con l’installazione via Web.

Conclusioni

In questa prima parte siamo andati a vedere come procedere per una nuova installazione di JIRA CORE. Abbiamo visto quali considerazioni erano necessarie per operare e nei prossimi post andremo a vedere come realizzare la parte di installazione vis Web.

 

 

 

 

Likes(0)Dislikes(0)

One thought on “JIRA CORE – prova su strada

  1. Pingback: Starter Kit con JIRA | Artigiano del Software

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *