Criptiamo i contenuti di JIRA – Test addon

Torniamo sull’argomento

IN questo post andremo a testare questo addon che tratta un argomento delicato ma importante: Come criptare i contenuti di JIRA.

Installazione

Partiamo dalla fase di installazione. Ricerchiamo il nostro addon nella maschera di ricerca: 

Selezioniamo Free trial per attivare l’installazione ….

…. lasciamo quindi il tempo della installazione ….

… una volta che l’installazione viene conclusa, si passa alla gestione della licenza ….

… una volta applicata la licenza, lasciamo che si chiudano le ultime operazioni fino al termina con il messaggio finale:

Passiamo alla fase successiva: configurazione.

 

Configurazione

Proseguiamo con la configurazione. La prima cosa che viene richiesta è eseguire una Re-index, dato che l’addon introduce nuovi tipi di campi custom. Quindi, come mostrato dalla seguente immagine:

Eseguiamo tale operazione e continuiamo nella fase di configurazione. Come vediamo dalla seguente immagine:

generiamo la chiave di codifica/decodifica dei dati.  Usiamo il tasto Generate per generare tali chiavi e memorizzarle. :-). Una volta impostato, possiamo eseguire la codifica/decodifica dei dati.

Passiamo alla fase di test.

 

Test

Concludiamo con il test. Definiamo un nuovo campo criptato, come indicato nella seguente immagine

dopo di che, dopo aver eseguito una nuova re-index dei dati, procediamo con riempire il campo con i seguenti dati . Come possiamo vedere, abbiamo questa situazione:

ma se andiamo su database e andiamo a leggere i dati, questo è il risultato:

ovvero il campo risulta criptato. Se invece andiamo a inserire una immagine, se andiamo a eseguire la criptazione, come indicato nella seguente figura:

se selezioniamo Encrypt quello che otteniamo è che il file allegato sarà leggibile solo all’interno di JIRA, mentre se andiamo a basso livello e leggiamo il contenuto del file, questo sarà il risultato:

se invece eseguiamo la decriptazione, attraverso il tasto Decrypt, allora il risultato sarà il seguente:

permettendo di leggere il file.

 

Addendum – 20171018

Come fatto notare dagli autori dell’addon (vedi commento a questo post), ogni volta che aggiungiamo un allegato, questo viene automaticamente criptato. Un ringraziamento per la precisazione che ci aiuta a descrivere meglio il funzionamento dell’addon 🙂

 

Conclusione

Abbiamo visto un addon che permette di criptare i dati su database di JIRA/allegati (che sono su File System), permettendo di mantenere la sicurezza dei dati anche se qualcuno dovesse in qualche modo andare a ‘bucare’ la sicurezza del nostro server JIRA.

 

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Criptiamo i contenuti di JIRA – Torniamo sull’argomento

Torniamo sull’argomento

IN questo post andremo a trattare un argomento delicato ma importante: Come criptare i contenuti di JIRA.

Subito al sodo

Questo addon permette di eseguire una criptazione di immagini e di informazioni, come mostrato dalle stesse figure presenti nella pagina del Marketplace

introducento anche la possibilità di usare dei campi custom che permette di criptare il contenuto

La configurazione risulta abbastanza semplice

Conclusione

Abbiamo a disposizione un addon molto interessante. Nei prossimi post lo andremo a provare.

 

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Gestiamo la versione degli attachment in Jira

Argomento molto interessante

In questo post andremo a trattare un argomento molto interessante: Gestione della versione degli attachments in JIRA. Si tratta di un argomento su cui ho dibattuto molto e che è stato anche discusso, durante i miei corsi su JIRA, con i miei studenti. Quando descrivevo come Confluence gestiva, senza problema alcuno, le versioni degli allegati mentre JIRA non lo faceva, permettendo di andare a memorizzare la stessa immagine più volte come allegato diverso, questo risultava molto strano. Adesso abbiamo la possibilità di gestire questi allegati e raggrupparli 🙂

Nel dettaglio

Questo addon della StiltSoft permette (mi permetto di aggiungere la parola FINALMENTE) la versione degli allegati. Come mostrato dalla seguente immagine:

abbiamo la possibilità di raggruppare gli stessi allegati.

Come per Confluence, abbiamo una sorta di inline comments, come mostrato in figura:

dove è possibile commentare gli allegati stessi, senza doverli portare sui commenti delle issue

Possiamo attivare l’addon per alcuni progetti, fermo restando che l’addon è usabile per tutti gli utenti 😉

Agevoli autocomposizioni ci permettono di copiare le configurazioni senza dover impazzire 🙂

Segnalazione molto importante: è possibile eseguire delle operazioni bulk sugli attachments

questo ci consente di eseguire delle operazioni di pulizia e manutenzione …. facilmente

Abbiamo anche una agevole estensione del JQL, dove possiamo andare ad eseguire delle interrogazioni sugli attachments

Risulta possibile anche inviare delle email, selezionando degli allegati

Abbiamo a disposizione una serie di strumenti e aiuti che ci consentono di gestire, la dimensione delle thumbnails, in modo da visualizzare quello che serve e quanto serve.

Conclusioni

Abbiamo scoperto un addon moooooooooooooooooolto interessante. Non vedo l’ora di testarlo e verificare tutte le sue potenzialità.

 

Reference

Maggiori informazioni sono reperibili alla pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Archiving plugin for Confluence – first look

Utile strumento per Confluence

In questo post andremo ad esaminare un nuovo addon per Confluence, che ci riserva delle belle sorprese.

Cosa mette a disposizione?

L’addon esegue delle analisi sul contenuto del nostro Confluence e ci permette di identificare tutte quelle situazioni, quali pagine non usate, expired e quanto altro. Vengono messi a disposizione una serie di pagine di controllo in cui sono fornite queste informazioni, come mostrato di seguito 🙂

L’addon permette di avvisare, attraverso delle mail, gli utenti responsabili della manutenzione degli space per capire quali interventi eseguire per tenere sotto controllo il tutto.

Viene data la possibilità di stabilire un ciclo di vita delle pagine, in modo da facilitare il lavoro dei manutentori:

Come mostrato dalla precedente figura, è possibile definire le condizioni per identificare le pagine da sottoporre a manutenzione o …. archiviare.

Le pagine di amministrazione dello space sono arricchite con una ulteriore pagina, dove sono riportate le pagine del nostro space:

E’ possibile impostare delle regole che indicano quando la pagina è da archiviare o da rivedere

Conclusioni

Abbiamo dato una prima occhiata ad un prodotto che ci da un aiuto molto molto importante nella gestione della nostra istanza di Confluence.

 

Reference

Maggiori informazioni sono presenti alla pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Sincronizziamo due Confluence

Sincronizzazione

In questo post andremo ad analizzare un argomento molto delicato: La sincronizzazione. Lo abbiamo visto per JIRA ed in questo post lo andiamo ad affrontare su Confluence.

Su cosa possiamo contare

Abbiamo a disposizione un addon che ci permette di eseguire questa operazione. Si tratta del Comala Workflows – Remote Publishing della Comalatech che permette di realizzare questa operazione.

Permette di sincronizzare un intero space con un equivalete di una istanza remota.

Mette a disposizione una configurazione molto semplice, come vediamo dalla precedente immagine.

 

Conclusione

Interessante funzionalità. Si tratta di un addon gratuito (al momento in cui viene redatto il post) che richiede (come indicato nella stessa pagina del marketplace) il Comala Workflows per funzionare. Nei prossimi post lo andremo ad esaminare.

 

Reference

Maggiori informazioni alla pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Atlas CRM per JIRA Cloud – CRM integrato con JIRA – Test addon #2

CRM sotto JIRA – Parte 2

In questo post andremo ad completare il test relativamente ad Atlas Crm cloud, un addon che permette di trasformare JIRA in un CRM.

Ringraziamento speciale

Un ringraziamento speciale al team della Avisi B.V., con cui ho avuto il piacere di confrontarmi e che mi hanno permesso di testare anche delle funzionalità ancora in beta. Un grazie di cuore per questa opportunità.

 

Test

Passiamo al test. Si tratta di una fase abbastanza lunga. Cercherò di seguire un percoso e di arrivare al dunque.

Iniziamo definendo una azienda, informazione che utilizzeremo di seguito per gestire il nostro business. Dal menù dell’addon (attenzione che con il nuovo layout cambia la disposizione del menù), che vediamo nella seguente figura:

selezioniamo Browse companies. Quindi siamo reindirizzati nella form che ci mostra la lista delle nostre aziende.

Se ne selezioniamo una, siamo reindirizzati al dettaglio della stessa

Ho ovviamente coperto i dati, dato che sto già iniziando ad usare l’addon con i dati dei miei clienti :-), e ne sono pienamente soddisfatto. Navigando sui vari TAB, abbiamo anche una … sorpresa. Possiamo collegare il cliente con pagine Confluence. Questo sarà oggetto di un altro post che …. approfondirà questo aspetto :-P.

Quindi possiamo visionare quali sales sono in corso o ci sono state in corso, relativamente al cliente.

Abbiamo le stesse procedure anche per la gestione dei contatti. Passiamo alla gestione dei SALES, ovvero la gestione beta.

Sales

Abbiamo creato delle Sales, dove abbiamo specificato alcune informazioni relativamente ai nostri lavori, ed abbiamo verificato il funzionamento dello stesso. Se selezioniamo la funzione di Browse Sales, questo è ciò che vediamo:

Attraverso operazione di Drag ‘n’ Drop, come siamo già abituati dalle funzioni di JIRA, spostiamo le varie SALES da una colonna all’altra, chiudendo con successo, come vediamo di seguito:

o con insuccesso, come vediamo di seguito:

Se selezioniamo un Sales, possiamo visionare il dettaglio del Sales

e delle issue ad esso collegate:

Le Sales, che possiamo assegnare ad un utente come se si trattasse di una issue a tutti gli effetti, permettendo di tracciare le varie attività. Sono sicuro che nei prossimi rilasci, la Avisi B.V. rilascerà anche degli opporruni strumenti per filtrare e visionare meglio le Sales 🙂

L’editazione del Sale è molto semplice, come possiamo vedere.

 

Conclusioni

Una sola parola: S P E T T A C O L O 🙂 è uno degli addon più belli ed interessanti che ho visionato. Non riesco a trattenere le idee per usare questi addon per gestire diverse fasi della gestione dell’azienda. Nei prossimi post andremo a tracciare questi scenari e ipotesi per poter gestire tali scenari.

Reference

Maggiori informazioni sono reperibili alla seguente pagina del marketplace.

Likes(1)Dislikes(0)

Atlas CRM per JIRA Cloud – CRM integrato con JIRA – Test addon #1

CRM sotto JIRA – Parte 1

In questo post andremo ad esaminare un addon che permette di trasformare JIRA in un CRM.

Ringraziamento speciale

Un ringraziamento speciale al team della Avisi B.V., con cui ho avuto il piacere di confrontarmi e che mi hanno permesso di testare anche delle funzionalità ancora in beta. Un grazie di cuore per questa opportunità.

Installazione

Partiamo come sempre dalla installazione. Come sempre andiamo a cercare l’addon dalla apposita maschera di ricerca, come mostrato in figura:

quindi selezioniamo Free trial per attivare la procedura di installazione.

Confermiamo l’accettazione delle condizioni di EULA, indicate nella figura precedente, per far partire l’intera procedura

Una volta completata l’installazione, procediamo con la gestione delle sottoscrizioni e delle licenze cloud:

fino al completamento della stessa procedura.

Passiamo adesso alla fase successiva di configurazione dell’addon.

 

Configurazione

Proseguiamo con la configurazione dell’addon. Dato che abbiamo una corposa configurazione, soffermiamoci un attimo sulle varie parti ed analizziamole. La prima cosa che notiamo è che abbiamo a disposizione un buon numero di menù da analizzare:

Procediamo con ordine.

Configuration

In questa sezione abbiamo la configurazione generale dell’addon, dove andiamo a gestire permission, sincronizzazione utenti etc etc .

Nella seguente figura è riportato il proseguo della pagina con le altre configurazioni. In questo caso ho abilitato una funzione sperimentale, ovvero la possibilità di poter eseguire il collegamento automatico delle issue e quali progetti sono soggetti a tale funzionalità.

Template

In questa sezione andiamo a gestire i template delle informazioni di aziende e contatti. Possiamo definire quali informazioni ci servono in base alle nostre esigenze.

Troubleshooting

In questa sezione abbiamo un piccolo controllo. Serve fondamentalmente per controllare, lato Jira Service Desk, se l’addon dispone di determinate permission.

Import

In questa sezione abbiamo la funzione di importazione, di un file CSV, delle informazioni di contatti e aziende.

Sales

Si tratta della funzione sperimentale che ho avuto il piacere di provare :-). Si tratta della gestione dei Funnel, ovvero dei contenitori dove si vanno a sistemare i nostri DEAL, le nostre offerte di lavoro, per indicare in quale stato si trovano.

Al momento in cui viene redatto il post, non è possibile creare più di 5 Funnel, ma si tratta di un limite che è in corso di revisione da parte del produttore dell’addon.

 

Conclusioni

Concludiamo questo post con la configurazione e proseguiamo il test dell’addon nel prossimo addon.

 

Reference

Maggiori informazioni sono reperibili alla seguente pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Come nascondere elementi su Confluence

Tips & Tricks

In questo post riportiamo alcuni consigli per …. nascondere gli elementi su Confluence, sia in visualizzazione che in stampa.

 

Cosa abbiamo a disposizione?

Il primo suggerimento che riportiamo è quello presente al seguente link, dove viene spiegato come nascondere degli elementi, andando a giocare con CSS ed affini.

Per attuare ciò, occorre selezionare, nella configurazione degli space, la sezione Look and Feel, Custom HTML.

dove possiamo inserire il nostro codice CSS per limitare la visualizzazione (il link citato fornisce diverse indicazioni sugli oggetti che possiamo nascondere).

Se vogliamo invece avere queste opzioni limitate ad un solo spazio, possiamo agire nella stessa posizione ma relativa allo space.

Che alternative abbiamo?

Possiamo definire una macro (solo per la versione server, su cloud questa funzione è stata disabilitata), come descritto in questo documento, che spiega come realizzare il tutto. La macro può essere utilizzata ovunque, rendendo implementazione molto più semplice: basta semplicemente inserire il testo che non si vuole stap

In questo modo visualizziamo a video, ma non stampiamo 🙂

Che altro possiamo usare?

Possiamo anche utilizzare HideElements for Confluence della tedesca Scandio GmbH che mette a disposizione una serie di macro per …. nascondere elementi di Confluence:

Conclusioni

Abbiamo visionato diverse possibilità per poter nascondere e/o non stampare degli elementi di Confluence. Le possibilità di utilizzo sono molteplici 🙂 e sono sicuro che non mancheranno occasioni per applicare questo barbatrucco :-D.

Reference

Maggiori informazioni sono reperibili, in inglese, ai seguenti link:

  • https://confluence.atlassian.com/confkb/how-to-hide-elements-in-confluence-using-css-or-javascript-313458894.html
  • https://confluence.atlassian.com/conf53/noprint-example-of-a-user-macro-411108920.html
  • https://confluence.atlassian.com/conf53/advanced-pdf-export-customisations-411108705.html#AdvancedPDFExportCustomisations-noprint
  • https://marketplace.atlassian.com/plugins/de.scandio.confluence.plugins.hideelements-macro/server/overview
Likes(0)Dislikes(0)

Aggiungere dei partecipanti ad una issue Service Desk… automaticamente

Altro Tips su JIRA Service Desk

In questo post andremo ad analizzare un semplice suggerimento per aggiungere dei partecipanti ad una issue di Service Desk…. automaticamente, non appena viene creata.

 

Di cosa abbiamo bisogno?

Per realizzare questa funzione, ci baseremo su di un addon che abbiamo già visto: Automation for JIRA (in questo caso andiamo ad usare la versione light, che ci è sufficiente per il nostro lavoro).

 

Quello che andremo a realizzare è una azione specifica, attraverso questo addon, per implementare l’azione che ci interessa. Andiamo ad analizzare i vari passi:

Prima cosa da fare è selezioanare, nel progetto Service Desk che ci interessa, la sezione Project Automation. Da li, come mostrato in figura:

andiamo quindi a generare una nuova regola, usando il template blank

quindi seguiamo la autocomposizione e impostiamo le varie parti della regola

Le condizioni che andiamo ad impostare sono: Su issue creata, come mostrata in figura:

andiamo ad eseguire l’editing della issue, andando a modificare il campo che ci interessa (ed in questo caso ci torna utile il seguente suggerimento, che abbiamo esaminato in passato)

Nella regola andiamo ad inserire il JSON da cui impostiamo il nuovo valore del campo.

Nel nostro caso, il JSON da usare è il seguente:

{
 "update": {
 "labels": [
 {
 "add": "triaged"
 },
 {
 "remove": "blocker"
 }
 ],
 "comment": [
 {
 "add": {
 "body": "Thanks for raising {{issue.key}}."
 }
 }
 ]
 },
 "fields": {
 "customfield_XXXXX": [{ "name":"utente1" }, { "name":"utente2" }, { "name":"utente3" }]
 }
}

e ci permette di eseguire l’operazione richiesta.

 

Alcune avvertenze

Tenete conto che la versione lite dell’addon citato consente di far eseguire solo un numero limitato di operazioni. Se superiamo tale limite, occorre acquistare l’addon non lite.

 

Conclusioni

Abbiamo visto un esempio molto semplice, che ci mostra come possiamo automatizzare delle operazioni. Possiamo però sfruttare il principio per realizzare anche operazioni molto più complesse.

 

Reference

Potete trovare altre informazioni anche ai seguenti link:

  • https://codebarrel.atlassian.net/wiki/display/AUTO4J/Advanced+fields
  • https://confluence.atlassian.com/jirakb/how-to-automatically-add-request-participants-when-creating-an-issue-777026955.html
Likes(0)Dislikes(0)

Pivot Report per cloud – Test addon

Continuiamo l’indagine

In questo post andiamo a testare l’addon Pivot Report, un addon disponibile sia per Server che per Cloud, cercando di verificare quanto possa essere di aiuto nella gestione di un progetto, quante informazioni aggiuntive metta a disposizione e come si comporti.

Installazione

Come sempre partiamo dalla installazione dell’addon. In questo caso andiamo ad esaminare l’addon versione server. Cerchiamo il nostro addon dalla maschera di ricerca:

Selezioniamo Free trial per attivare l’installazione …

… lasciamo qualche minuto che si completi …

… dopo di che lasciamo che si attivi la procedura di generazione della licenza …

… da li diamo le indicazioni per generare la licenza trial …

… e la applichiamo al nostro server ….

… fino a chiudere l’installazione.

Procediamo con la fase successiva: configuriamo il nostro addon.

 

Configurazione

Proseguiamo con la configurazione. Possiamo accedervi dalla gestione degli addon, come mostrato in figura (Tasto Configure)

oppure dal nuovo menù che è stato aggiunto nella sezione degli addon:

Abbiamo tre sezioni da analizzare. Vediamole in dettaglio:

Permissions

Se lo selezioniamo accediamo alla sezione in cui andiamo a selezionare progetti per cui l’addon è usabile, come mostrato in figura:

Analogo discorso per le issue per le quali vogliamo eseguire le nostre pivot.

Il tutto eseguito molto facilmente. Adesso esaminiamo le restanti opzioni 🙂

Sempre nelle permission, andiamo a gestire quali utenti/gruppi di utenti possono utilizzare questa funzionalità, come mostrato della precedente figura. Nella figura successiva, vediamo la configurazione che permette di visualizzare il TAB Worklogs sempre o in base ad altre esigenze.

Pivot Report Options

Selezionando questa opzione, visualizziamo le opzioni del report. Queste opzioni di permettono di gestire le issue padre (ovvero se quando valutiamo dei subtask andiamo a valutare anche i task che li contengono ). IN aggiunta, ci possiamo interfacciare a Portfolio per Jira.

Usage Statistics

Questo menù, da quanto vedo, serve per raccogliere le informazioni per poi permettere, agli sviluppatori dell’addon, di poter migliorare l’utilizzo dello stesso. Lascio la scelta agli utenti di come configurare queste opzioni.

Passiamo al test vero e proprio.

 

Test sul campo

Arriviamo al sodo e andiamo a vedere come si comporta l’addon alla prova sul campo. La prima cosa che andiamo a scoprire è …. come lo usiamo questo addon??

Ci sono diversi punti di accesso. In particolare abbiamo diversi in cui abbiamo la possibilità di richiamare questo addon per visualizzare i risultati. Abbiamo un nuovo tasto Pivot Report dal quale possiamo attivare le funzioni che ci interessano, come mostrato nelle seguenti figure:

 

Lo abbiamo anche nella maschera di ricerca delle issue:

Una volta selezionato, vengono richiesti dei parametri, che servono per decidere come vogliamo i risultati:

La seguente figura risporta i risultati:

come mostrato anche nella seguente figura:

ed anche nella seguente figura:

dove abbiamo dei report che descrivono la situazione del progetto. Nel nostro esempio, dove ho ben poche issue nel progetto di test che utilizzo per fare le varie prove, si vede poco, ma in questi report abbiamo una visione di insieme delle issue di progetto che ci possono sicuramente aiutare a comprendere meglio come valutare la situazione.

 

Conclusioni

Abbiamo visto questo addon in azione, vedendo come ragiona e come si comporta. Sicuramente è un valido strumento che aiuta, chi deve gestire un progetto, ad avere sempre sotto controllo la situazione e valutare come muoversi e … aggiustare il tiro. Lo consiglio come addon.

Reference

Maggiori dettagli sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)