Automation plugin – Un addon interessante

Automatizziamo le operazioni

In questo post andremo a vedere come possiamo, ovviamente, automatizzare alcune operazioni del nostro JIRA. Ci appoggiamo in questo caso ad un addon (disponbile in due versioni, una gratuita ed una a pagamento nonchè disponibile sia per Server che per Cloud.

Che cosa mette a disposizione?

Questo addon permette di poter costruire delle regole che permettono automatizzare operazioni … ad hoc, evitando di doverle eseguire a mano successivamente o di ammattire.

In maniera visuale, e di conseguenza semplice, possiamo impostare dei trigger che, in presenza di particoalri condizioni, esegue delle azioni 🙂

La condizione di attivazione può essere anche un JQL, come mostrato nella immagine precedente.

Abbiamo a disposizione anche dei template per … semplificarci la vita.

Faccio i miei complimenti agli autori, per la procedura che hanno composto. Infatti, come possiamo vedere a precedente è molto semplice ed intuitiva.

 

Conclusioni

Questo addon è sicuramente U T I L I S S I M O, perché ci semplifica la vita e, sopratutto, ci aiuta tantissimo :-).

Reference

Maggiori informazioni sulla relativa pagina del marketplace. Solo una precisazione. Se cercate le informazioni per il Cloud, allora la pagina da referenziare è la seguente.

 

 

Likes(0)Dislikes(0)

Gestiamo le issue collegate con EasyLinks – Proviamolo

Proviamo questo addon

In questo post proviamo questo nuovo addon e cerchiamo di capire come si comporta effettivamente, andando a testarlo e verificando quali vantaggi.

Installazione

Prima operazione che mostramo, come sempre, è la fase di installazione. Come sempre partiamo dalla procedura guidata, cui siamo già abituati.

Selezioniamo il tasto Install ed eseguiamo la procedura di installazione.

.. la procedura esegue il download dell’addon ed alla installazione dello stesso ….

Una volta terminata la procedura di installazione, siamo reindizzati alla pagina di descrizione dell’addon e li ci accorgiano di una cosa magica…. l’addon è Free :-).

Configurazione

Se selezioniamo il tasto Manage, per andare a visualizzare la configurazione generale dell’addon, notiamo una prima cosa: viene richiesto di eseguire un re-index della nostra istanza di JIRA. Questa operazione viene sempre richiesta in quanto l’aggiunta di campi custom e nuovi tipi custom richiede sempre questa operazione.

Selezionado perform re-index, siamo subito reindirizzati nella procedura di re-index. La durata non è drammatica e richiede pochi istanti.

Al termine di questa operazione, procediamo con le restanti operazioni.

Test

Andiamo a definire il nostro primo campo. Selezioniamo dalla sezione di amministrazione per aggiungere un nuovo campo e andiamo a selezionare i nuovi tipi di campo:

Una volta selezionato il tipo, andiamo a definire i parametri del nuovo campo custom:

Selezionado Create abbiamo finalmente il nuovo campo.

Da li viene richiesto nuovamente di eseguire la re-index. Prima di procedre, procediamo con la configurazione del campo. Dalla schermata precedente, selezioniamo il menù Configure, come mostrato nella figura successiva

da li accediamo alla schermata di configurazione del campo custom

Da li andiamo a configurare sia la parte di Applicable context for scheme che la parte di Issue Link Type. Per questo ultimo parametro andiamo a configurare quale tipologia di issues costituiranno il serbatoio da cui si andrà a selezionare le issue da collegare, come mostrato in figura:

Una volta fatto questo e, eseguita nuovamente la fase di re-index, possiamo procedere con l’utilizzo del campo. Andiamo ad editare una issue di test e da li verifichiamo il funzionamento:

Dalla figura precedente vediamo che abbiamo a disposizione una ricerca mirata su tutte le issue che presentano sttao In Progress, e di conseguenza abbiamo limitato la ricerca a solo due issue (nel nostro server di esempio). Una volta che confermiamo la scelta notiamo che, oltre a compilare il nuovo campo custom, abbiamo anche la issue link valorizzata, come mostrato dalla seguente immagine:

che va a seguire le regole che abbiamo fissato in configurazione del campo. Se abdiamo ad aggiungere una linked issue e questa rispetta le regole che sono state impostate nel campo, allora questa viene visualizzata nel campo custom. Funziona da entrambi i versi :-).

Conclusioni

Abbiamo visto il funzionamento di questo addon gratuito e abbiamo visto che possiamo definire dei campi che ci servono per eseguire un link delle issues in maniera più organica, andando a selezionare solo quali issue ci servono. Aggiungere elementi al campo implica anche andare a impostare delle linked issues e, come conseguenza, lo abbiamo anche andando ad impostare le linked issues.

Abbiamo quindi un valido strumento che ci permette di avere una visualizzazione più organica e precisa e ci permette di avere sempre un quadro situazione sempre presente. Possiamo definirlo uno degli addon Must-Have per le nostre installazioni JIRA Cloud. Il funzionamento ci da parecchie idee su come usarlo. Nei prossimi post andremo a capire quali vantaggi possa portare.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti, come sempre, nella pagina dell marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Gestiamo le issue collegate con EasyLinks

Una segnalazione interessante

In questo post cercheremo di fornire una segnalazione interessante. Vediamo come possiamo avere un aiuto nella gestione delle linked issues attraverso un addon che ci aiuta nella gestione.

Easy Links

Questo addon introduce un nuovo campo custom che ci permette di specificare issue collegate alla nostra. Oltre alla funzionalità standard, possiamo sfruttare questi campi per andare a definire ulteriori collegamenti con la nostra issue e di categorizzarli meglio, come mostrato nella seguente figura.

La selezione rimane singola e multipla, come anche Possiamo anche configurare quali issue andiamo a collegare

e possiamo eseguire la ricerca su tali campi custom

arrivando a visualizzare questi risultati anche nella Dashboard

Conclusioni

Abbiamo a disposizione un nuovo strumento che ci permette di categorizzare meglio come le nostre issue sono collegate tra di loro, possiamo sfruttarle nelle nostre ricerche ed interrogazioni.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti, come sempre, nella pagina dell marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Potenziamo il JQL: Test pratico

Potenziamo il JQL

In questo post andremo a testare l’addon presentato in precedenza e vedremo dal vivo come può aiutarci nel nostro lavoro.

Installazione

Partiamo come sempre dalla installazione. Ricerchiamo, tra i vari addon disponibili, il nostro. Una volta trovato, come mostrato in figura:

Selezioniamo Free trial, per attivare l’installazione. Una volta accettati i termini di licenza….

… si procede con il download dell’addon ….

… e la installazione vera e propria ….

Una volta terminata l’installazione, siamo reindirizzati alla pagina di dettaglio dell’addon ….

… quindi viene richiesta l’utenza del nostro account my.atlassian.com per generare la licenza trial.

Una volta fornite le credenziali, si procede con la generazione della licenza trial …

… fino a quando siamo pronti all’utilizzo dell’addon.

 

Configurazione

Passiamo alla fase successiva: la configurazione dell’addon. In questo caso abbiamo la possibilità di poter definire chi può usare (tramite il gruppo di appartenza), previa creazione di un campo custom (ricordarsi di eseguire la operazione di re-index ) ad uso interno, come mostrato in figura:

oppure possiamo definire delle restrizioni per singola funzione. Questa configurazione è comunque abbastanza brigosa da usare. Meglio usare delle configurazioni più generali che andare per singola funzione. In ogni caso è bene sapere che esiste.

 

Test test test test ed ancora test

Per testare queste funzioni basta semplicemente andare nella sezione dedicata ai filtri di ricerca ed impostare un filtro, come nella seguente immagine:

dove abbiamo richiesto di andare a cercare quelle issues subtask che presentano, come assegnee il nostro stesso utente. Il risultato è subito arrivato.

Conclusioni

Abbiam visto come è possibile estendere le funzionalità di JQL con altre funzioni. Nei prossimi post andremo ad esaminare come possiamo sfruttare queste caratteristiche in diversi scenari.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketlace.

 

Likes(0)Dislikes(0)

Potenziamo il JQL: Vediamo come.

Potenziamo il JQL

In questo post andremo a vedere come possiamo potenziare il JQL della nostra installazione JIRA, andando a curiosare in un addon che ci mette a disposizione un discreto aiuto.

Di cosa si tratta?

Si tratta di un addon, disponibile per le installazioni server, che mette a disposizione una serie di funzioni per il JQL.

Queste funzioni permetton di eseguire dei controlli incrociati in maniera non indifferente.

Possiamo abilitare tali funzioni in base ai gruppi di appartenza

Una pagina di configurazione abbastanza semplice permette di poter gestire il tutto

Conclusioni

Abbiamo visionato uno strumento che mi permette di aggiungere funzioni al potente JQL e di poterlo meglio sfruttare per raggiungere un miglior risultato. Nei prossimi post andremo a collaudarlo e cercheremo di immaginarci come meglio sfruttare questo nuovo strumento 🙂

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketlace. Una piccola annotazione: Da quanto ho visto le immagini della manualistica non sembrano molto aggiornate.

Likes(0)Dislikes(0)

Pivot Report per cloud – Diamo una occhiata

Continuiamo l’indagine

In questo post continuiamo l’indagine sugli addon dedicati alle analisi dei dati in JIRA. Andiamo ad esaminare Pivot Report, un addon disponibile sia per Server che per Cloud.

Di cosa si occupa

Si tratta di un addon che permete di analizzare lo stato di un progetto, partendo dai task delle stories e fornendo uno stato di fatto della situazione. Come mostrato dalla seguente figura:

l’addon esamina tutta la struttura di issue e mette a disposizione un report riassuntivo della situzione.

In aggiunta permette di analizzare il tempo che ogni singolo utente dedica alle varie attività.

arrivando ad analizzare il tempo loggato e capire se ci sono dei problemi in alcune sezioni del progetto. In aggiunta analizza e riporta tutti i task che su cui il tempo di stima è esaurito

permettendo di avere un controllo completo della situazione. Concludendo, permette di generare un report facilmente partendo da una ricerca.

Concludendo, permette di racchiudere in report più compatti e completi quanto, nelle versioni standard, è riportato su più gadgets o report:

Conclusioni

L’addon presenta caratteristiche che meritano di essere analizzate con cura e in dettaglio. Nei prossimi post andremo ad esaminare questo addon saggiandone, come sempre, le potenzialità.

Reference

Maggiori dettagli sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Uno Studio in JIRA – Proseguiamo le analisi

Uno studio in JIRA

In questo post proseguiamo quanti riportato nel post Uno studio in JIRA, dove cerchiamo di dare risposte ad annose questioni.

Dove eravamo rimasti?

Avevamo descritto delle situazioni in cui ci potevamo trovare nel caso di condivisione verso nuovi clienti di JIRA/JIRA Service Desk, al fine di condividere uno strumento con loro ed unificare la gestione delle issue.

Avevamo riscontrato diverse difficoltà, cui abbiamo dato una prima risposta con il seguente post, in cui descrivevamo come poter eseguire la sincronizzazione di due istanze di JIRA.

Proseguiamo nella analisi

Proseguendo le nostre elucubricazioni, abbiamo identificato una seconda possibilità per poter eseguire delle sincronizzazioni tra due istanze di JIRA. Si tratta di: JIRA2JIRA Connector.

Si tratta di un addon appena uscito, ma che mi ha parecchio incuriosito. Vediamo che cosa offre 🙂

  • Permette di mettere in comunicazione due istanze di JIRA 
  • Consente la sincronizzazione di Progetti ed Issues, tenendo conto dei dati master e client, rispettando i links e le diverse cose. La sincronizzazione riguarda solo quanto configurato.
  • Consente attraverso opportuno JQL, di poter scegliere che cosa sincronizzare, come mostrato dalla seguente immagine: 
  • Leggendo tra le funzionalità offerte, abbiamo anche la possibilità di poter eseguire la sincronizzazione di
    • Workflow transaction
    • commenti
    • attachments

Interessante

Abbiamo quindi a disposizione uno strumento che ci può essere utile. Oltre a eseguire la sincronizzazione, sembra che esegua anche la copia di parti del workflow. Questo ci aiuta notevolmente in una fase molto importante:

Esattamente: il deploy. Ci stiamo quindi avvicinando alla possibilità di poter eseguire delle operazioni tra due istanze. Questo apre un nuovo scenario abbastanza interessante.

Conclusioni

In questo post abbiamo approfondito questo Studio in JIRA, dove abbiamo esaminato questo nuovo addon, che ci illumina mostrando altre possibilità. Questo ci dimostra ulteriormente che il mondo Atlassian è in continua evoluzione. Nei prossimi post continueremo ad analizzare questo addon e a verificarne le potenzialità.

Reference

Maggiori informazioni sull’addon sono reperibili qui.

Likes(0)Dislikes(0)

Kanoah Test 2.5.0 – Ultime novità

Ultime novità

In questo post andiamo a evidenziare le ultime novità che sono presenti nella versione 2.5.0 di Kanoah tests.

 

Andiamo al sodo

Create and Edit Test Cases and Test Plans in a Full Screen

Risulta ancora più semplice creare e modificare i Test Case e i Piani di Test.

 Navigate to Test Cases, Test Plans and Issues from Reports

Possibile navigare direttamente Test case, Piani di test o le issue direttamente da ogni report: Basta un click 🙂

Share Test Cases and Test Plans Using Friendly URLs

Possibile condividere Test case e Piani di test utilizzando una URL più agevole ed amichevole, simile a quella classica di JIRA per navigare le Issue 🙂

Navigate to a Test Case During its Execution With a Single Click

Mentre si esegue un test case, eseguendolo utilizzando il Test Player, basta un semplice click sulla sua chiave per accedervi diretamente.

 

Easily Move Test Steps Up and Down

Abbiamo la possibilità di poter riordinare i passi do un test case, in maniera molto semplice ed agevole.

Fixes and Improvements

  • Migliorata la traduzione in Tedesco.

Conclusioni

Non cessa mai di sorprenderci il Kanoah Test. Restiamo in attesa di nuovi ulteriori sviluppi, ma di sicuro non smetteremo mai di sorprenderci.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nel sito della Kanoah Test.

Likes(0)Dislikes(0)

Estendiamo JQL con altre funzionalità

Estendiamo le funzionalità JQL

In questo post andremo ad esaminare come possiamo ancora estendere le funzionalità di JQL Standard.

 

Come possiamo fare?

Vediamo quali possibilità abbiamo per estendere le funzionalità JQL nel nostro JIRA. Abbiamo già visto alcuni esempi esaminando diversi addon, che abbiamo recensito nel corso del tempo, quali ad esempio scriptrunner, di cui abbiamo ampiamente parlato. vediamo adesso quali altri soluzioni sono possibili:

JQL Tricks Plugin è sicuramente una prima soluzione. Mette a disposizione tante funzioni aggiuntive per il JQL, permettendo di poter eseguire moltissime interrogazioni specifiche.

 

Abbiamo la possibilità di monitorare chi ha eseguito determinate operazioni in maniera banalissima, come mostrato dalla precedente immagine.

In aggiunta abbiamo la possibilità di poter indicare quali utenti/gruppi/progetti ne possono fare uso, con una agevole form di configurazione.

Craftware Search Linked Issues for JIRA è la nostra seconda indicazione. Si tratta di un addon che estende, a sua volta, il JQL con opportuni funzioni. Permette di poter eseguire delle ricerche sulle linked issue in maniera molto semplice.

 

 

 

Dalla immagine precedente, vediamo che abbiamo delle funzioni che, nella vita lavorativa, ci aiutano a semplificarcela :-D.

JQL Functions Collection mette a disposizione un insieme di funzioni JQL anche queste molto semplificative della vita di ogni giorno.

 

 

Si tratta di funzioni che trattano formato di dati, di stringhe etc. Queste sono sicuramente molto utili :-), come mostrato dalla immagine successiva.

 

Conclusioni

Abbiamo fatto una carrellata molto rapida di addons che permettono di estendere JQL con altre funzioni che possono aiutare la vita di tutti i giorni.

Likes(0)Dislikes(0)

JQL – Esempi di uso

JQL – Esempi di uso

Vediamo in questo post alcuni esempi di uso del JQL, ovvero del JIRA Query Language. Si tratta di alcuni esempi di utilizzo che possono aiutare nella vita di tutti i giorni 🙂

Andiamo al dunque

Dopo aver presentato il JQL, vediamo dove è possibile utilizzarlo per svolgere il nostro lavoro.

Confluence

Su Confluence abbiamo diverse possibilità di utilizzo. Abbiamo già mostrato alcuni di essi proprio nella gestione degli Asset Management, dove abbiamo anche collegato alle pagine dell’asset le Issue di riferimento attraverso una apposita macro: JIRA; come mostrato in figura:

JQL-02-02

Quindi, sfruttiamo il JQL per andare a selezionare le Issue o la Issue che ci interessa.

JQL-02-01

Come possiamo vedere, esaminando l’ultima immagine, quello che notiamo è che andiamo a selezionare le issue semplicemente andando a comporre la nostra query JQL in maniera opportuna. Quindi, senza fare alcuna fatica, settiamo le proprietà e le informazioni che vogliamo vedere, in modo quasi istantaneo 🙂

 

JIRA

Su JIRA semplicemente andiamo ad accedere alla sezione delle Issue, dove andiamo ad impostare sia i filtri che ad eseguire tutte le interrogazioni che ci servono.

JQL-02-03

Una volta identificati i filtri che servono, possiamo semplicemente andare a salvare le query come dei filtri. Semplicemente selezioniamo il tasto Save as posto in alto (vedi precedente figura):

JQL-02-04

Una volta salvato, possiamo referenziare il filtro semplicemente dalla toolbar laterale:

JQL-02-05

Conclusioni

Abbiamo  visto alcuni esempi di applicazione di JQL. Nei prossimi post andremo a vedere come possiamo estenderlo in maniera opportuna.

Likes(0)Dislikes(0)