Confluence 6.2 Beta – Novità in cantiere

Novità in arrivo 🙂

In questo post andremo a vedere le ultime novità su Confluence.

 

Subito al dunque

Una delle prime caratteristiche che sono state aggiunte riguarda la parte di Editazione concorrente.

Possiamo invitare gli utenti ad eseguire l’editazione concorrente di un documento :-). MI immagino la prossima domanda. Cosa succede se il documento presenta delle restrizioni al nostro utente?? Bene, abbiamo la possibilità di poter gestire questo aspetto richiedendo le autorizzazioni per editare lo stesso

Ma adesso vediamo la cosa più importante:

Come ho riportato in questo post, abbiamo finalmente la traduzione italiana di CONFLUENCE.

Reference

Maggiori informazioni sono reperibili nella pagina ufficiale della documentazione di Confluence.

Likes(0)Dislikes(0)

EazyBI – Diamo una occhiata da vicino

EazyBI – Diamo una occhiata da vicino

In questo post andremo ad esaminare questo addon particolarmente interessante. Infatti si tratta di un addon che permette di poter eseguire delle statistiche sui dati di JIRA e di poter mettere a disposizione tali statistiche.

Di cosa tratta l’addon

L’addon mette a disposizione, sia alle nostre istanze server che cloud, la possibilità di poter referenziare i dati presenti all’interno del nostro JIRA e di poterli organizzare in report/statistiche particolari. Come si può vedere dalla seguente immagine:

 

l’addon permette di poter combinare delle pivot table in maniera visuale e semplice.

In aggiunta permette di poter visualizzare le informazioni con grafici di vario tipo 🙂

Permette di creare facilmente una serie di misure ad hoc, da poter poi utilizzare nei nostr grafici/tabelle.

Mette a disposizioni delle interfaccie semplici e chiare per poter reperire i nostri report.

In aggiunta permette di poter referenziare anche una serie di campi custom.

Conclusioni

Statistiche, dati, BI tutto all’interno di JIRA. Questo addon si rivela subito interessante. Non vedo l’ora di provarlo sul campo e di saggiarne le particolarità e potenzialità.

Reference

Maggiori dettagli sono reperibili alla pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

Exporter 2.0 per JIRA – Analizziamo le nuove funzionalità

Ultime novità

In questo post andremo ad analizzare le ultime novità su Exporter 2.0 per JIRA. Avevamo già analizzato questo addon nei nostri precedenti post, in particolare su questo primo post e su questo secondo post.

Subito al sodo

Disponibile sia per le installazioni server che su cloud, l’addon permette di:

  • Esportare sia su CVS che su Excel 
  • esportare oltre 1000 issues 
  • esportare informazioni aggiuntive, quali commenti e transazioni 
  • Importare le esportazioni precedentemente eseguite

Conclusioni

Abbiamo un addon che ci permette di poter essere usato per poter gestire diverse cose e che presenta caratteristiche interessanti. Continuiamo a tenerlo sotto controllo: sono sicuro che ci riserverà grandi sorprese. Come indicato nel seguente post, ho avuto occasione di potermi confrontare con le persone di Deiser ed ho imparato tantissime novità.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketplace e nel sito del produttore: Deiser.

Likes(0)Dislikes(0)

Pivot Report per cloud – Diamo una occhiata

Continuiamo l’indagine

In questo post continuiamo l’indagine sugli addon dedicati alle analisi dei dati in JIRA. Andiamo ad esaminare Pivot Report, un addon disponibile sia per Server che per Cloud.

Di cosa si occupa

Si tratta di un addon che permete di analizzare lo stato di un progetto, partendo dai task delle stories e fornendo uno stato di fatto della situazione. Come mostrato dalla seguente figura:

l’addon esamina tutta la struttura di issue e mette a disposizione un report riassuntivo della situzione.

In aggiunta permette di analizzare il tempo che ogni singolo utente dedica alle varie attività.

arrivando ad analizzare il tempo loggato e capire se ci sono dei problemi in alcune sezioni del progetto. In aggiunta analizza e riporta tutti i task che su cui il tempo di stima è esaurito

permettendo di avere un controllo completo della situazione. Concludendo, permette di generare un report facilmente partendo da una ricerca.

Concludendo, permette di racchiudere in report più compatti e completi quanto, nelle versioni standard, è riportato su più gadgets o report:

Conclusioni

L’addon presenta caratteristiche che meritano di essere analizzate con cura e in dettaglio. Nei prossimi post andremo ad esaminare questo addon saggiandone, come sempre, le potenzialità.

Reference

Maggiori dettagli sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

JIRA on Mobile – La famiglia diventa sempre più grande

La famiglia Atlassian si allarga su mobile

In questo post andremo ad esaminare una app mobile che si interfaccia con la nostra installazione JIRA e che ci permette di poter lavorare agevolmente con tablet e cellulari

Di cosa si tratta

Si tratta di una app, Android o iOS, che ci permette di poter connettere sia alla nostra installazione Server, che alla istanza cloud di JIRA e ci permette di poter lavorare agevolmente

Come possiamo vedere dalla figura precedente, abbiamo una grafica abbastanza piacevole e di facile fruizione

Abbiamo a disposizione anche uno Story map abbastanza carino e a prima vista abbastanza chiaro.

Le Board sono molto simili alla visualizzazione web classica, con il vantaggio di avere a disposizione una app nativa.

Conclusioni

La famiglia si allarga ogni giorno sempre di più con nuove app e nuove sorprese. Anche, se a mio giudizio, la visualizzazione su cellulare non è proprio il massimo e conviene usare almeno un tablet, questa app sembra essere migliore anche di quella ufficiale. La proveremo e cercheremo di capire come si comporta.

Reference

Maggiori informazioni alla pagina del marketplace.

Likes(0)Dislikes(0)

JIRA Service Desk – Come collaborare al meglio

Un approfondimento

In questo post andremo ad approfondire alcuni aspetti di collaborazione tra utenti, agenti di JIRA Service Desk e sviluppatori.

Un piccolo recap….

In precedenti post abbiamo visto come si è evoluto JIRA Service Desk, che adesso andiamo a riassumere:

  • Agenti, che si occupano di gestire le richieste
  • Utenti, che si occupano di creare le richieste
  • Partecipant, ovvero un utente o un agente o un utente JIRA di altri progetti (lo sviluppatore o altro ruolo)

Questo ultimo è la nostra arma segreta, perchè ci permette di aggiungere persone alla segnalazione, in modo da consentirgli di poter leggere la segnalazione e di consentirgli di partecipare attivamente alla segnalazione.

Tenete sempre presente che tutti i prodotti della Atlassian si basano sempre sulla collaboration ed in questo articolo andremo a vedere come un Agente può richiedere l’aiuto di più soggetti per arrivare a risolvere la segnalazione dell’utente

Un caso di uso

Proseguiamo nella nostra esplorazione, analizzando e spiegando meglio questa situazione.

L’agente, quando riceve una segnalazione, può chiedere il supporto di uno sviluppatore o di un altro utente JIRA e una prima operazione che può eseguire è quella di inserire un nuovo partecipant, ovvero coinvolgere un utente nella risoluzione chiedendo delle informazioni particolari. Questo si può realizzare semplicemente con un click, direttamente dal task jira, quando si entra nel dettaglio della segnalazione.

Oppure possiamo anche inserire direttamente un commento interno, in cui andiamo a referenziare un utente, nel nostro caso potrebbe essere uno sviluppatore, cui chiediamo un supplemento di spiegazioni. le mentions ci aiutano tantissimo 😀

Un’altra possibilità è quella di aprire una segnalazione direttamente al progetto di manutenzione/sviluppo utilizzando l’apposita funzione, che permette di creare una issue collegata alla nostra di Service Desk..

In questo modo lo sviluppatore dispone già della segnalazione originaria, da cui ricava tutto ciò che gli serve, e può già lavorare alla risoluzione della stessa.

Conclusioni

Vediamo come nei prodotti Atlassian la collaborazione è sempre al centro di tutto. Non averemo mai persone sole contro gli utenti cattivi, ma delle squadre, dei team che si occupano di gestire le situazioni.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nel seguente articolo su JIRA Service Desk, da cui ho preso spunto per costruire questo articolo.

 

Likes(0)Dislikes(0)

Addon per Confluence da esaminare

Analizziamo alcuni addon per Confluence

In questo post andiamo ad analizzare alcuni addon per Confluence che risultano interessanti. Cerchiamo di analizzarli e proviamo ad immaginarne un possibile utilizzo che ne possiamo fare 🙂

Vediamoli in dettaglio

Partiamo da Atlas CRM for Confluence, che permette di poter organizzare le informazioni dei clienti di una azienda attraverso le pagine di Confluence. Avevo già esaminato la possibilità di poter realizzare questa funzione, sfruttando le funzioni standard che Confluence mette a disposizione. In questo caso, l’addon permette di automaticcare e meglio organizzare tali informazioni. Lavorabndo a stretto contatto con JIRA, sfruttando le potenzialità di Confluence, abbiamo la possibilità di poter disporre delle informazioni in maniera più agevole, come mostrato in figura:

Usandolo con JIRA ci permette di poter gestire il nostro parco clienti, mettendo a disposizione una serie di interfaccie predisposte e ben congegnate :-). Non male 😀

Proseguiamo con Agile Retrospectives for Confluence, che permette di creare delle retrospettive su Confluence relativamente a Sprint concluse.

Addon utile nel caso di gruppi di lavoro particolarmente distribuiti nel mondo.

Continuiamo parlando di Refined Theme for Confluence Cloud, ovvero la possibilità di poter modificare lo stile e la grafica del nostro Confluence Cloud, in maniera semplice e veloce

consentendo di avere la possibilità di poter facilmente personalizzare il layout:

Abbiamo adesso la possibilità di poter personalizzare il nostro Confluence Cloud. Possiamo quindi arrivare a condividere delle sezioni della nostra documentazione fornendo una grafica differente :-).

Proseguiamo visionando Responsive Tabs, ovvero un addon che permette di poter inserire dei tab nelle nostre pagine confluence:

sfruttando delle macro molto semplici, come già abituati da Confluence.

Possiamo, con questo addon, arrivare a gestire delle sezioni dedicate ed organizzare meglio lo spazio della pagina. Non male come addon e ci possono essere tantissimi ambiti in cui possiamo applicare queste macro 😀

Terminiamo con Knowledge Pathways for Confluence. Si tratta di un addon creato per scopi didattici e che permette di creare un percorso che può essere utilizzato per descrivere una sequenza di passi, connessi a pagine confluence, ben precisa ed organica. Un esempio è sicuramente la fase di onboarding di un nuovo dipendente, in cui sono specificate quali informazioni deve conoscere, descrivere i ruoli aziendali, etc.

Conclusioni

Abbiamo visto una panoramica di alcuni addon per Confluence. Per alcuni di questi ho già in mente un utilizzo particolare, dove possiamo impostare delle pagine molto interessanti e utiuli per la vita di tutti i giorni. Nei prossimi post andremo ad esaminare come possiamo usare questi addon  e cercheremo di esaminarne di nuovi.

Citazioni

Lo spunto per scrivere questo post mi è stato fornito da questo articolo in inglese, scritto  molto bene, e che mi ha dato diverse idee.

Likes(0)Dislikes(0)

I Must have addon per Confluence

I must have addon per Confluence

In questo post fornisco alcune considerazioni su alcuni addon che bisogna avere per avere un Confluence che sia un valido strumento di supporto per la documentazione, ma non solo 😛

Server

Per le installazioni Server, consiglio vivamente di avere i seguenti addon:

  • Un ottimo foglio excel per Confluence, che secondo me non deve mai mancare , per dare un ordine ai propri dati ed alle proprie informazioni. 
  • Il secondo addon che mi sento di consigliare come indispensabile è Draw.io, che ho già avuto modo di descrivere in questo mio post, che permette di riportare dei grafici/grafi/diagrammi in maniera molto semplice.
  • Il terzo addon che consiglio potrebbe sembrare una baggianata, ma salva la vita e sopratutto permette a confluence di essere il grande spammer. Si tratta di No Email Storm, ovvero un addon che permette di scegliere in maniera più agevole l’invio delle notifiche per modifiche alla pagina. 
  • Altro addon che consiglio è sicuramente Confluence Source Editor, che permette di andare a leggere il sorgente delle pagine confluence, permettendo di salvarci da spiacevoli situazioni. 

Cloud

Per la versione cloud, confermo sicuramente Draw.io, come per la versione Server. Aggiungo sicuramente CYO – Create Your Own, ovvero un addon che permette di integrare spreadsheet da Google e tanti altri ancora di aspetti.

Altro addon che consiglio è sicuramente Source Editor for Confluence, che permette di agire direttamente sul codice XML della pagina confuence e che, in alcuni casi, potrebbe essere un valido sostituto per creare un template per blog post, funzionalità al momento non ancora disponibile.

Conclusioni

Si tratta di una serie di addon che, a mi giudizio, non dovrebbero mai mancare nella nostra libreria di addon per Confluence. Se qualcuno vuole dare un suggerimento, è il benvenuto.

Likes(0)Dislikes(0)

knowledge base su JIRA Service Desk

Creiamo una Knowledge Base con JIRA Service Desk

In questo post andremo ad esaminare un sistema per poter gestire la Knowledge base su JIRA Service Desk, ovvero mettere a disposizione dei nostri clienti una libreria in cui sono specificate tutte le risoluzione alle varie problematiche, permettendo di poter risolverle in autonomia.

Di cosa abbiamo bisogno?

Come prima cosa dobbiamo disporre di Confluence nella nostra installazione, come mostrato anche dalla seguente figura:

 

Per realizzare questa funzionalità, JIRA Service Desk si appoggia ad uno Space di Confluence, dove si costruiscono, attraverso opportune procedure, le pagine della KB. Se Confluence non è disponibile o non è stato opportunamente collegato con il sistema, questa è la schermata che JIRA Service Desk visualizza per avvisare della situazione:

Impostando l’opzione Link to a Confluence space, la prima cosa che si nota è la presenta su portal della barra di ricerca, come mostrato in figura.

Questa è la barra di ricerca che l’utente utilizza per procurarsi la eventuale risoluzione del problema che ha riscontrato.

Come avviene la generazione?

Per generare le varie KB, ABbiamo a disposizione una apposita funzionalità, presente nella default view della issue, come mostrato in figura:

Gli agenti possono quindi, se non ci sono articoli già presenti e se si tratta di problematiche che si possono ripresentare, creare i KB per consentire agli utenti di cercarsi le soluzioni. Abbiamo solo da scegliere il template da usare per creare l’articolo su Confluence 🙂

Conclusioni

Abbiamo visto un semplice tutorial che ci mette a disposizione una buona funzionalità per JIRA Service Desk.

Reference

Suggerisco anche il seguente articolo del blog ufficiale Atlassian, dove sono fornite ulteriori informazioni.

Likes(0)Dislikes(0)

Le ultime novità di JIRA 7.3

Ultime novità

In questo post andiamo ad esaminare e dettagliare le ultime novità sulla versione 7.3 di JIRA, verificando quali sono le novità sia per la versione CORE che per la versione Server.

Uno alla volta …

Molte sono le novità. Cerchiamo quindi di andare con ordine 🙂

Rich text editing

Novità introdotta in versione LAB che consentiva di poter ovviare alla editazione vera e propria via wiki markup. Adesso è possibile, installando la versione 7.3, poter eseguire l’editazione direttamente attraverso il Rich Text editing.

Privilegi di modifica di un Workflow

Viene concessa, agli amministratori di progetto, la possibilità di poter eseguire la modifica del workflow, a condizione che siano rispettate le seguenti condizioni:

  • Il workflow non deve essere condiviso tra più progetti
  • Il workflow in questione non deve essere quello di default di JIRA

Occorre tenere presente che nell’istante in cui viene eseguito l’aggiornamento alla versione 7.3, tutti gli amministratori di progetto saranno in grado di eseguire l’aggiornamento del workflow, come mostrato nella figura precedente.

Starting a JIRA instance

Abbiamo anche delle novità per la parte sistemistica di JIRA. Sono state aggiunte due nuove caratteristiche inerenti  starting JIRA:

  1. E’ stato aggiunto un passo extra nella fase di installazione/upgrade di versione di JIRA, nel quale viene richiesto di far ripartire JIRA esplicitamente.
  2. Viene offerta la possibilità di far partire JIRA manualmente con tutti gli addon di sistema disabilitati
1. Installing and upgrading start up

Questa operazione è stata implementata in quanrto necessaria nel caso di installazione sotto Amazon Web Services (AWS) . Di seguito una  Quick Start guide che utilizza CloudFormation templates  per permetterti di eseguire il deploy delle versioni Data Center  in ambiente AWS.

2. Disable non-system add-ons

Attraverso nuove opzioni, possiamo eseguire lo start del nostro server JIRA in cui tutti gli addon installati (non quelli di sistema) sono disabilitati. In particolare:

  1. --disable-all-addons (or /disablealladdons for Windows users)
  2. --disable-addons=<addon keys> or (/disableaddons=<addon keys> for Windows users)

Questa caratteristica è molto utile, sopratutto quando dobbiamo eseguire degli upgrade e non vogliamo che le versioni installate degli addon faccianmo fallire lo start del servizio. In questo caso, riusciamo a far partire l’istanza e, successivamente, riusciamo ad eseguire la rimozione dell’addon incriminato in maniera semplice e veloce.

Conclusione

Abbiamo un pò di novità con questo rilascio. Continueremo a seguire tutte le variazioni e cercheremo di pubblicare costantemente tutte le ultime news.

Reference

Maggiori dettagli sono presenti sulla pagina di release notes di JIRA CORE e sul seguente articolo del blog Atlassian.

Likes(0)Dislikes(0)