Nuovo addon da Decadis – Test addon

Dopo aver curiosato, andiamo a testare questo addon e verifichiamo quali possibilità ci offre.

Modello Flash, andiamo a curiosare immediatamente

Installazione

Come sempre partiamo dalla installazione e la seguente GIF ci mostra il risultato.

Vediamo l’installazione dell’addon, come siamo abituati

Passiamo quindi alla fase di configurazione generale. Ricordiamo che tutti gli addon possono o meno avere una sezione di configurazione generale e una locale, nel senso:

  • del Progetto, per Jira
  • dello Space, per Confluence

Andiamo a vedere che cosa è previsto.

Configurazione Generale

Una prima buona notizia è che non abbiamo alcuna configurazione generale, ma abbiamo invece una sezione in cui possiamo visualizzare delle informazioni di servizio. Abbiamo una sezione dedicata nella sezione dedicata degli addon, come mostrato in figura:

che mostra questo risultato:

Questa schermata di mostra il log che l’addon mette a disposizione. Lo vedremo dopo il risultato durante il test.

Abbiamo invece una configurazione a livello di definizione di campi custom. Andiamo a curiosare. Iniziamo a definire un nuovo campo custom. La scelta che abbiamo a disposizione è la seguente:

Possiamo scegliere due macrocategorie di campi: Numerico e Testo

Supponiamo di definire un campo numerico. Il risultato è il seguente. Per praticità lo abbiamo definito su di un progetto di comodo. Il risultato è il seguente.

Andiamo a configurare il campo e vediamo che cosa ci mette a disposizione l’addon. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalle possibilità che l’addonci mette a disposizione.

Questa è la super sorpresa

La seguente GIF mostra meglio quali possibilità ci sono messe a disposizione.

Tantissime possibilità di campi custom che abbiamo a disposizione

Scegliamo un template e verifichiamo i risultati.

Test

Andiamo a testare questo addon. Definiamo un nuovo campo e verifichiamone il comportamento direttamente sulla nostra istanza di test. Procediamo.

In questo caso andiamo a definire un campo di tipo numerico e selezioniamo una tipologia , come mostrato in figura:

Il modello selezionato

Se selezioniamo la modalità Expert, vediamo che cosa compone questo modello che abbiamo selezionato.

Entriamo nel codice.

Cosa ci indica l’ultima immagine? Ci mostra come possiamo andare a configurare il nostro campo. Abbiamo a disposizione una sintassi ad hoc che ci permette di poter spaziare su varie possibilità. In aggiunta abbiamo un Help On Line che ci fornisce diversi Hint

Con questa documentazione …. possiamo sollevare il mondo.

Questo è il risultato. Abbiamo definito delle issue in cui abbiamo creato dei subtask. Questa è la situazione Iniziale:

Si tratta di un ticket di test…. quindi non abbiamo delle frasi interessanti

In questo caso abbiamo che il campo calcolato restituisce 4. Infatti i subtask presenti sono tutti in stato Backlog, stato aperto. Se fate riferimento al codice espresso, la formula conta anche tali stati. Se modifichiamo lo stato di uno dei subtask, il campo viene ricalcolato:

Il campo risponde correttamente

Conclusione

Le nostre conclusioni non possono che essere positive. Abbiamo un grande passo in avanti nella gestione dei campi calcolati e secondo me, nel prossimo futuro, sono sicuro che la Decadis ci offrirà delle grandi sorprese. Una sola annotazione, ma sono fiducioso che migliorerà. Il calcolo richiede del tempo, ma credo (qui gli autori dell’addon mi confermeranno) che il tempo di esecuzione sarà ridotto nel futuro. Le API e il Cloud sono sempre in continuo miglioramento e sono fiducioso che anche le tempistiche miglioreranno.

Sono anche fiducioso perché anche un mio cliente mi ha dato una notizia molto bella: Il passaggio al Cloud è anche coinciso con un deciso ed importante aumento delle performance. Traduzione: Il cloud è molto più veloce rispetto al sistema server che avevano a disposizione.

Reference

Maggiori informazioni sull’addon sono reperibili alla pagina del Marketplace.




Mission Control…. su Confluence

Abbiamo una novità su Confluence. A differenza della missione spaziale Artemis, che viene rimandata quasi costantemente, Atlassian non rimanda e continua a sorprenderci con novità interessanti. La configurazione generale è stata riorganizzata e questo è il risultato:

Un esempio tratto da una mia istanza PREMIUM

Per coloro che hanno un profilo PREMIUM, abbiamo anche una nuova visualizzazione: Il MISSION CONTROL. Si tratta di una visualizzazione in cui abbiamo un riassunto della situazione del nostro Confluence. Nella precedente immagine vediamo cosa ci mostra: Statistiche sul numero di spaces e sulla parte di chi sono gli amministratori, quali beta features, etc. Abbiamo un primo esempio di pannello di controllo che ci riassume la situazione.

Spettacolo

Andiamo benissimo. Il viaggio verso il miglioramento di Atlassian prosegue. Ogni giorno vediamo sempre nuove opzioni e possibilità e siamo sempre più curiosi di vedere le prossime funzionalità.




Nuovo addon da Decadis

Calculated custom fields arrived in Jira Cloud! Con questo annuncio non possiamo che essere curiosi di questo addon che ci permette di poter gestire al meglio i campi calcolati (che sono la nostra croce e delizia su Jira) e che ci permettono di raggiungere grandi risultati. Andiamo a curiosare

Modello Flash, andiamo a curiosare immediatamente

Di cosa tratta l’addon?

Questo addon ci permette di poter creare dei campi calcolati preconfigurati che ci possono aiutare tutti i giorni. Sappiamo bene che su ambiente Jira Cloud abbiamo qualche problema con i campi calcolati: Non ne abbiamo.

Alcune delle espressioni facciali che assumiamo quando lo scopriamo. La faccia allegra è l’utente sadico (Scherzo ovviamente) 😀

Questo addon ci permette di poter rimediare a questa situazione strana. Abbiamo la possibiità di poter scegliere tra circa 42 diversi tipi di campi calcolati.

Fonte Marketplace: Alcuni esempi di possibili campi calcolati

E’ interessante disporre di tali campi già pronti. In questo modo possiamo usare direttamente senza tanti problemi. Come possiamo vedere dalla seguente immagine, molti di questi campi già coprono diverse necessità (anche se, da buon Italiano dico: Ma ci sarebbe anche il campo calcolato …… 😛 )

Fonte Marketplace: Alcuni esempi.

ma non solo. Dalla seguente immagine:

notiamo che l’addon permette anche di manipolare le formule. Questo è INTERESSANTE perché ci permette di scatenare la nostra fantasia.

Conclusioni

Abbiamo un addon da esaminare con tantissima attenzione. Possiamo risolvere il problema dei campi calcolati, ma non è l’unico. Diamo un annuncio in anteprima: Ho identificato una soluzione da usare per generare i campi calcolati. Pubblicherò un articolo a breve,

Reference

Maggiori informazioni sull’addon sono reperibili alla pagina del Marketplace.




Statistiche per un Service Desk

Scrivo questo articolo a seguiuto di una analisi che ho seguito per un mio cliente e che mi ha portato a scoprire un addon molto interessante, che permette di ricavare delle statistiche sui nostri ticket. L’obiettivo era trovare una interrogazione sui dati di una istanza cloud che mostri le seguenti informazioni:

  • Capire quanto tempo un addon è rimasto in un determinato stato
  • Estrarre queste informazioni ed inserirle in un report
  • Fare delle statistiche molto più precise di quanto tempo un ticket è in lavorazione, quanto è in attesa di una risposta da un customer
Entriamo in modalità esplorazione

Subito al dunque

L’addon in questione è Status Time Reports Free – Time in Status, che permette di tracciare il tempo speso per i nostri ticket in ogni stato del workflow che il ticket assume in ogni istante della sua vita. Questo ci permette di ricostruire la storia di ogni ticket. Questa è la versione free dell’addon, disponibile anche nella versione a pagamento con ulteriori caratteristiche aggiuntive.

Come possiamo vedere dalle immagini del marketplace:

Fonte: Marketplace Atlassian. Un esempio delle metriche che possiamo ottenere

In questa immagine possiamo vedere quali metriche abbiamo a disposizione e che informazioni possiamo ottenere. Si tratta di un esempio, ma ci illustra anche quali caratteristiche possiamo disporre da un addon gratuito.

Questo addon consente di poter parametrizzare questi calcoli attraverso la definizione di un calendario:

Fonte Marketplace: Come definiamo un calendario

Altra caratteristica importante è la possibilità di poter disporre di un apposito Gadget da poter esporre nelle nostre Dashboard,

Fonte Marketplace: Gadget in azione.

Conclusioni

Addon interessante e sopratutto gratuito. Ci permette di tracciare una statistica relativamente al tempo impiegato (secondo il calendario parametrizzato) di un ticket in un particolare stato. Ogni stato rappresenta un determinato momento della lavorazione e ci permette di poter capire quando il ticket è in lavorazione da parte degli Agenti e quanto è in carico del customer, quanto è in carico a fornitore esterno, etc.

SI tratta di un ottimo addon. Non vedo l’ora di testarlo.

Reference

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina del marketplace.




Una visione di insieme… facile

Sto per descrivere una situazione cui tutti noi, in un momento ben preciso della nostra vita, abbiamo affrontato: controllare i permission degli space di Confluence Cloud. A questo punto quello che facciamo è reagire come mostrato in questa immagine:

Un altro lavoro di concetto… Non ne posso più.

Non disperiamo. Abbiamo una soluzione

Stanco di dover sempre cercare Space per Space, e senza passare dalle API, ho scoperto che abbiamo a disposizione è un fantastico addon (al momento in cui viene redatto questo post, l’addon risulta gratuito), sviluppato in FORGE che ci permette di poter visionare come un utente è coinvolto. Questo addon ci consente di poter avere un quadro di insieme. Su Confluence effettivamente abbiamo un problema: Non sempre disponiamo di interfacce dove possiamo avere un quadro di insieme o multispazio. Solo in tempi abbastanza recenti, possiamo disporre di funzionalità che ci permette di avere un quadro di insieme, ma solo all’interno di un singolo Space.

Fonte: Marketplace. Un esempio di visualizzazione dell’addon

Come possiamo vedere, questo addon mostra tutti permessi che l’utente che cerchiamo dispone per ogni Space. Il vantaggio è notevole. Possiamo identificare facilmente gli utenti (immaginate se dovete trovare gli Space dove utenti disattivati sono amministratori o se volete identificare chi ha ricevuto le grant di amministrazione per sbaglio).

Fonte: Marketplace – Dettaglio del singolo Space

Qui vediamo una cosa molto interessante: Non dobbiamo navigare Space per Space: Usiamo la textbox per cercare il nostro Space. Non dobbiamo saltare come canguri impazziti da una pagina all’altra.

Conclusioni

Addon superinteressante: Queste schermate mancano o sono parziali su Confluence. Avere a disposizione queste funzionalità, ci permette di poter amministrare facilmente la nostra istanza Cloud, senza impazzire e aprire 1234,89 tab sul nostro browser. Lo collauderò quanto prima. Non vedo l’ora di testarlo.

Reference

Maggiori informazioni sono disponibili presso la pagina del Marketplace.




Notizie da Tecnofor: Una nuova acquisizione

Riportiamo con molto piacere una notizia dall’ecosistema degli addon. La Spagnola Tecnofor ha acquisito Shared Estimation, un addon precedentemente conosciuto come Open Poker

Fonte: MrAddon Blog/Tecnofor

Questa acquisizione estende il parco addon, già molto importante, di Tecnofor con un addon interessantissimo. Si tratta di un addon che non abbiamo avuto ancora il piacere di recensire ma che presto diventerà conoscenza dell’Artigiano.

L’addon ci permette di poter affrontare e risolvere una delle problematiche che ogni giorno le aziende affrontano: la complessità di migliorare le stime delle attività. Nello scenario più comune (sicuramente è lo scenario che abbiamo visto in varie situazioni) la persona responsabile della stima non è la persona che esegue il lavoro, non ha esperienza precedente o non possiede le conoscenze tecniche necessarie oppure imposta la stima in base alle indicazioni ricevute (a volte anche per sentito dire). Non diciamo nulla di nuovo.

Queste sono le nostre reazioni quando dobbiamo fare le stime….

Shared Estimations semplifica il processo di stima consentendo ai team di fornire facilmente le proprie opinioni sulle stime delle attività, il tutto in formato anonimo, basato sulla percentuale, perfettamente integrato in Jira, un popolare strumento di gestione dei progetti. Della serie: ‘chiedi l’aiuto da casa‘.

Un esempio di come l’addon lavora.

Conclusioni

Una notizia molto positiva. Tecnofor si rafforza nell’ecosistema con un pezzo da 90 (come diciamo in Italia) :-D. Chiediamo anche noi l’aiuto da casa ma al grande Chuck Norris. Che cosa ne pensa?

Andiamo quindi al sicuro.




Il nuovo campo Teams: cosa e’, come funziona

Annunciato a Teams23 a Las Vegas, il nuovo campo Teams e da poco disponibile nelle nostre installazioni Cloud. Vediamo in questo post in che cosa consiste, come funziona e che cosa permette. Entriamo in modalità ricerca.

Set Explore mode = on

Subito al sodo

Richiesto a gran voce da tutti, questo campo permette di poter creare dei Team trasversali da poter usare nei nostri progetti, sia per assegnare le issue a gruppi (in precedenza era necessario usare altri mezzi per realizzare questa funzione) oltre che implementare delle notifiche, ma non solo. Vedremo come nei prossimi paragrafi.

Per chi non ha ancora aggiunto il campo negli screen, sono visualizzati questi messaggi

Questo nuovo campo ci permette di avere una marcia in più rispetto ai singoli gruppi. I Teams sono dei gruppi di utenti che possono essere trasversali rispetto ai gruppi che abbiamo definito nella nostra anagrafica utenti. Questi sono gestiti da una apposita funzione che non si trova ella sezione di amministrazione ma direttamente nella nostra istanza, e sono usati da più funzioni.

Questa funzione è stata derivata da Advanced Roadmap (il vecchio Portfolio for Jira), dove questa possibilità era già disponibile. Gli utilizzatori di Advanced Roadmap infatti riuscivano ad eseguire delle assegnazioni a Teams delle issue. Adesso questa funzione non e’ sola esclusiva della pianificazione, ma anche del lavoro di tutti i giorni e di tutti gli utenti.

in questa nuova gestione, i Teams hanno una definizione più ricca rispetto ai gruppi. Possiamo avere delle schede personalizzate e dedicate alle persone che li compongono.

Fonte: Documentazione Atlassian

Interessante, ma che altro e’ possibile?

Un apposito Campo di sistema è a nostra disposizione, come qualsiasi altro campo, ma con una marcia in più. Questo campo ci permette di implementare una assegnazione a gruppi, con l’opzione di poterlo usare delle mentions per implementare notifiche. In aggiunta possiamo usarlo anche nelle nostre importanti regole di automazione.

Fonte: Documentazione Atlassian
Fonte: Documentazione Atlassian

Adesso la domanda difficile: cosa non è possibile fare?

Il nuovo campo non e integrabile con il notification scheme. Questo significa che le notifiche devono essere gestite in maniera differente: mentions o regole di automation. Questo è più scomodo perché non si innesta nel flusso STANDARD.

La pagina che Jira mette a disposizione quando aggiorniamo una notifica. Le possibili scelte non sono cambiate

Come vediamo non abbiamo alcuna possibilità di scelta del team. Quindi non riusciamo in alcun modo (almeno per il momento) a reindirizzare le notifiche attraverso i canali standard.

L’unico sistema rimane le mentions. Infatti se definiamo un Team

In questo caso mi sono creato il mio team ufficiale

il risultato che otteniamo è:

Cosa vediamo nelle mentions

Conclusioni

Abbiamo una funzionalità interessante, che introduce alcuni concetti che prima non erano presenti in Jira. Questo è sicuramente importante ma, secondo il mio modesto parare, occorre ancora aggiungere delle componenti e delle funzioni ai Team. Siamo agli inizi e sono sicuro che Atlassian non ci deluderà in questo.

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina di documentazione e nelle pagine referenziate.




Primi test su Atlassian Intelligence – 2

Proseguiamo con le analisi mostrando i risultati su Confluence. Verifichiamo cosa viene offerto da Atlassian per Confluence.

esplorazione alchemica

Nel precedente articolo abbiamo visto quali novità introduce Jira, e ci siamo fatti una idea di quali possibilità sono offerte. Adesso andiamo ad esaminare quali possibilità sono offerte su Confluence.

Anche in questo caso sfruttiamo la nostra installazione Premium per vedere cosa è possibile fare. Creiamo uno space ad hoc e andiamo ad analizzare. Ho quindi creato una pagina all’interno dello Space dove ho riportato i primi 2 capitoli del romanzo Il Conte di Montecristo. Quale esempio migliore.

Uno stralcio del testo che ho copiato. Mi serviva un testo da usare come banco di prova

Ho chiesto quindi ad Atlassian Intelligence di fare un riassunto dello scritto. L’opzione è presente, come possiamo vedere nella immagine successiva:

Alcune delle opzioni offerte

Questo è il risultato.

Ecco un riassunto che è stato prodotto

Il risultato è in inglese, ma risulta notevole. In poche righe ha riassunto quanto ho riportato nella pagina. Ma non solo. Una volta confermato la pagina ho anche usato la funzione Define, per trovare le definizioni. Questi i risultati:

U(n esempio di definizione

Un esempio di definizione

E’ interessante notare che riesce a identificare le definizioni anche di città e di nomi di navi, oltre che le pagine di riferimento della documentazione di Confluence dove il termine viene indicato. Questo mi fa pensare che Atlassian Intrelligence si riferisca anche a dati esterni alla organizzazione. Interessante come avviene questa sinergia.

Possiamo anche usare questa funzionalità anche per la ricerca sui documenti e trovare le risposte direttamente dalla barra di ricerca…… in questo caso sto utilizzando le informazioni che ho preparato per uno dei webinar di Atlassian Espresso

In questo caso ho usato il nome di fantasia Wells Forgo…..

Atlassian Intelligence ha indentificato il dociumento, il nome e la definizione. Ha anche citato il nome della persona di riferimento, Charles Siringo, persona storica che mi sono permesso di citare in questo webinar. Per chi non la conosce, suggerisco di andare a cercarne la storia. Sono sicuro che troverà delle ottime sorprese.

Conclusione

Come possiamo riassumere questo risultato. Direi con una sola parola…. S P E T T A C O L O. Queste nuove opzioni ci permettono di ottimizzare la nostra conoscenza aziendale, ma non solo. Abbiamo delle caratteristiche che se ben sfruttate, ci permettono di poter ottenere dei risultati impensabili. Non vedo l’ora che sia resa operativa e definitiva su tutte le installazioni: soino sicuro che con il tempo le funzionalità aumenteranno e diventeranno sempre più interessante




Domande & Risposte. Abbiamo bisogno di una licenza Confluence per usare la KB su Jira Service Management?

Proviamo a rispondere alla domanda partendo dalle informazioni di base che abbiamo a disposizione. Se infatti consultiamo la Community, ci imbattiamo in queste risposte:

La risposta risulta chiara. Abbiamo bisogno di una licenza …..

…. ed invece NO.

Non da tantissimo tempo, possiamo usare gratuitamente Confluence per implementare la KB basta che siamo titolari di una licenza JSM pagata ed annuale. Come riportato in questa documentazione ufficiale.

Fonte: Documentazione Atlassian

In questo caso, se abbiamo una licenza mensile, possiamo aggiungere Confluence con profilo Free (questo è sempre stato possibile) ma la vera novità è ceh con profilo annuale è possibile usufruire di Confluence per gestire la KB. Questo è molto interessante e l’articolo spiega come arrivare ad ottenere il risultato.




Un nuovo addon da esaminare

In questo post andremo ad esaminare un addon che ci mette a disposizione una funzione interessante. Vediamo in dettaglio addon e funzione.

Esplorazione alchemica

Le presentazioni

L’addon che vogliamo descrivere

Questo addon ci permette di poter eseguire delle operazioni interessanti, ovvero:

  • Permette di definire un template di issue
  • Possiamo precompilare titolo e descrizione della issue

A questo punto abbiamo una cosa molto interessante

Fonte Marketplace

Dalla precedente immagine possiamo vedere come l’addon permette di definire un template. Ci avete fatto caso? abbiamo lo stesso sistema che abbiamo per creare una issue. Questo significa che non dobbiamo imparare nulla di particolare.

Fonte Marketplace

Possiamo definire, nell’ambito dello stesso progetto, una template per issue type. Lo vediamo dalla precedente immagine

Interessante, lo provo subito

Partiamo subito dalla prima operazione. Installiamo l’addon nella nostra istanza. Come sempre vediamo come procedere.

Configurazione Generale

Proseguiamo con la configurazione generale che l’addon. Ci accediamo dal menù principale Apps.

Le funzioni che sono presenti nella sezione

Da li possiamo referenziare i vari template che abbiamo definito. Possiamo anche accedere dalla sezioen Apps presente nelle Project Settings. Faccio una annotazione. Potrebbe darsi, per chi ha installato l’addon quando ancora era gratuito, potreste trovare una immagine come la seguente

Quello che si può vedere nella installazione che ho usato per i miei test

Da li andiamo a definrie il template che andremo ad usare. Vediamo come si configura un template

La GIF ci mostra come eseguire la configurazione da zero del template e l’assegnazione ad un progetto

Come possiamo osservare, la creazione di un template non richieste alcuna complessità: Sembra quasi che creiamo una nuova issue. L’assegnazione non è altro che una semplice opzione che andiamo a selezionare.

Proviamo quanto abbiamo configurato

Adesso proviamo il tutto e verifichiamo il risultato.

Un semplice esempio di utilizzo.

dalla Gif sopra riportata, vediamo che l’utilizzo è molto semplice e ci permette di poter generare le issue direttamente compilate come abbiamo definito.

Conclusioni

Abbiamo un addon che ci permette di poter generare delle issue pre-compilate come ci servono con pochissima configurazione. Questo addon non risulta molto difficile da usare e permette di poter risolvere alcuni casi di uso che mi sono stati richiesti nel corso della mia vita lavorativa. La prova è stata eseguita con la versione free dell’addon. Nel momento in cui scrivo è disponibile una versione a pagamento che sicuramente presenta delle ulteriori funzionalità.

Reference

Maggoori informazioni sono reperibili dalla pagina del Marketplace.