Secure field – Aggiungiamo una caratteristica importante ai campi di Jira

Aggiungiamo la sicurezza ai campi Custom

In questo post andremo ad esaminare un addon che mette a disposizione dei campi custom particolari, che presentano una caratteristica in più: La possibilità di definire degli scheme particolari per gestire la sicurezza.

Cosa abbiamo a disposizione?

L’addon mette a disposizione dei campi custom particolari, con l’aggiunta di alcune funzionalità che permettono di definrie degli scheme particolari solo per loro.

Come vediamo dalla precedente figura, abbiamo a disposizione un insieme di campi, che si sovrappongono ai campi standard, sui quali possiamo definire tali configurazioni supplementari

come possiamo vedere dalla figura, la sezione Issues->Fields viene estesa con una nuova voce, che permette di richiamare queste nuove funzioni.

La sezione Activity viene estesa con un nuovo pannello, dove possiamo andare a vedere nel dettaglio quello che è stato eseguito per questi campi.

Interessante ….

…. e quindi lo installo immediatamente per capire come si comporta sul campo :P. Partiamo, come sempre, dalla installazione.

selezioniam Free trial per attivare la procedura di installazione …

… attendiamo che si attivi la procedura di generazione della licenza trial ….

… quindi applichiamo la licenza …

… fino al completamento della installazione. Al termine, ci verrà proposto di eseguire una re-index

dato che aggiungiamo un nuovo insieme di campi custom. Eseguiamola senza problemi. 🙂

Configurazione

Procediamo con la configurazione. Generiamo un nuovo campo custom, scegliendo tra quelli che l’addon mette a disposizione

Dopo di che andiamo a configurare i permessi per tale campo.

Selezioniamo Permissions per procedere con la nuova configurazione ed impostiamo il tutto.

come indicato nella precedente figura, ovvero consentiamo editazione e visualizzazione delle modifiche di questi campi al solo amministratore. Quindi eseguiremo un accesso come altro utente ed eseguiremo il test :P. La configurazione delle permission non richiede grandi problemi, dato che, come possiamo vedere dalla seguente figura:

non richiede skill particolari. L’organizzazione è similare a quanto siamo già abituati. Rivediamo la configurazione finale:

Quindi se andiamo a leggere tali informazioni come Administrator, questo sarà il risultato:

mentre se accediamo come altro utente, il nostro Luigi Bianchi, allora questo sarà il risultato 😀

Conclusioni

Abbiamo a disposizione uno strumento interessante, con una possibilità di poter eseguire delle operazioni di configurazione non indifferenti. Possiamo aggiungere dei nuovi campi custom e permettere la visualizzazione dei dati letteramente come ci pare :D. Mi vengono in mente tantissimi utilizzi in vari ambiti e scenari.

 

Reference

Maggiori informazioni sono presenti nella pagina del marketplace.

Likes(1)Dislikes(0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *